Chiusura
Vedi tutti
Loading...

Arcobaleno sulla Corsa dei Due Mari

11/03/2021

Il campione del mondo Julian Alaphilippe batte Mathieu van der Poel e Wout van Aert - che conserva la Maglia Azzurra

Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step) ha ottenuto la sua prima vittoria dell’anno nel tortuoso finale con arrivo a Chiusdino. Secondo e terzo, rispettivamente, Mathieu van der Poel (Alpecin-Fenix) e Wout van Aert (Jumbo-Visma), che hanno completato il podio. Protagonisti nel finale accessissimo anche Joao Almeida, Simon Yates, Mikel Landa e Pavel Sivakov che si erano avvantaggiati, a 32 km dall’arrivo, poco prima del passaggio sul GPM di Poggio alla Croce. L’ultimo ad arrendersi, ripreso dal gruppo a 250 m dal traguardo è stato Almeida, compagno di squadra del vincitore. Van Aert ha conservato la leadership nella classifica generale.

 

RISULTATO FINALE

1 – Julian Alaphilippe (Deceuninck – Quick Step) – 202 km in 5h01’32”, media 40.195 km/h

2 – Mathieu Van Der Poel (Alpecin-Fenix) s.t.

3 – Wout Van Aert (Team Jumbo-Visma) s.t.

 

CLASSIFICA GENERALE

1 – Wout Van Aert (Team Jumbo-Visma)

2 – Julian Alaphilippe (Deceuninck – Quick Step) a 4″

3 – Mathieu Van Der Poel (Alpecin-Fenix) a 8″

Le maglie dei leaders

Maglia Azzurra, leader della classifica generale, sponsorizzata da Sara Assicurazioni – Wout Van Aert (Team Jumbo-Visma)

Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo Zanetti – Wout Van Aert (Team Jumbo-Visma), indossata da indossata da Caleb Ewan (Lotto Soudal), in quanto i primi tre della classifica vestono, rispettivamente, la Maglia Azzurra, la Maglia di Campione del Mondo e la Maglia di Campione Nazionale Olandese.

Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Enel – Vincenzo Albanese (Eolo-Kometa Cycling Team)

Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Sportful – Pavel Sivakov (Ineos Grenadiers)

STATISTICHE

Terza vittoria di tappa per Julian Alaphilippe alla Tirreno-Adriatico, dopo le due tappe vinte nel 2019, a Pomarance e Jesi. Ha vinto altre due gare in Italia: Milano-Sanremo nel 2019 e il campionato del mondo su strada nel 2020.

Mark Cavendish (Indicatore nel 2012) e Peter Sagan (Montalto di Castro e Fermo nel 2017) sono stati i due precedenti campioni del mondo in carica ad aver vinto una tappa alla Tirreno-Adriatico.

Questa è la seconda vittoria di Alaphilippe con la maglia iridata, dopo la Brabantse Pijl 2020.

Le dichiarazioni dei protagonisti e la Tappa di domani

Il vincitore di tappa Julian Alaphilippe, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “È stato un finale pieno di suspense. Molto intenso. Durante la gara la velocità è stata sempre molto alta. Quando Geraint Thomas ha attaccato, ho capito che era giunto il momento di fare la mia di mossa, anche se c’era vento contrario. È davvero speciale poter vincere con la maglia iridata qui in Italia, il Paese in cui l’ho conquistata. Milano-Sanremo sarà tutta un’altra sfida. Non voglio ancora pensarci.”

 

La Maglia Azzurra, Wout Van Aert, ha dichiarato: “Negli attacchi in salita non ho mai avuto paura. Ho detto ai miei compagni di squadra di pedalare a tutta. Joao Almeida ha resistito a lungo e quello di oggi è stato uno sprint difficile. Non posso prevedere cosa succederà nelle prossime tappe, ma le brevi salite ripide che il percorso prevede dovrebbero essere perfette per me. Squadre come UAE Team Emirates e Ineos Grenadiers sono sicuramente da temere nell’arrivo in quota. Tuttavia, sono fiducioso, perché la tappa di oggi era già abbastanza dura e l’abbiamo gestita bene.

 

LA TAPPA DI DOMANI

Tappa n. 3 – Monticiano – Gualdo Tadino (219 km)

Tappa ondulata nella prima parte e sostanzialmente pianeggiante nella seconda. Dopo un breve circuito iniziale a Chiusdino, si attraversa il Senese per Murlo e Asciano prima di giungere a Cortona. Il gruppo entrerà poi in Umbria, attraverso l’unico GPM della giornata al Poggio della Croce. Dopo la ridiscesa a Gubbio, le strade sono prevalentemente diritte e pianeggianti fino all’arrivo.

 

Ultimi km

Gli ultimi chilometri sono onldulati per la prima parte, con finale in salita. Nell’ultimo chilometro si segnala una svolta piuttosto accentuata a sinistra dove comincia il finale, dapprima con ampie curve, per finire in rettilineo. La retta finale è in leggera salita, con pendenze attorno al 4%. Linea di arrivo su rettilineo in asfalto larga 8 m.

Seguici
sui social
# TirrenoAdriatico
top sponsor
official partners
official suppliers