10 marzo 2017

L’INCREDIBILE SAGAN

Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) ha battuto alla sua maniera in uno sprint tutt’altro che scontato Elia Viviani (Team Sky). L’arrivo per velocisti, ma tecnico e in leggera salita, ha esaltato le doti del due volte Campione del Mondo. Rohan Dennis diventa il terzo corridore della BMC Racing Team ad indossare la Maglia Azzurra NamedSport.

RISULTATO FINALE

1 – Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) – 204 km in 4h51’59”, media 41,920 km/h

2 – Elia Viviani (Team Sky) s.t.

3 – Jurgen Roelandts (Lotto Soudal) s.t.

 

CLASSIFICA GENERALE

1 – Rohan Dennis (BMC Racing Team)

2 – Greg Van Avermaet (BMC Racing Team) s.t

3 – Damiano Caruso (BMC Racing Team) s.t.

 

CLASSIFICHE COMPLETE 

 

 

Il vincitore di tappa Peter Sagan, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Oggi La volata è andata bene. Mi ricordavo che il finale era uguale a quello dell’anno scorso, quando mi ero trovato davanti troppo presto. Questa volta sapevo sarebbe stato meglio aspettare e stare coperto il più possibile prima di partire. Ho fatto così e ho vinto! C’era vento laterale e quando ho visto che non c’era nessuno a ruota di Elia Viviani, ho capito che dovevo essere io a muovermi e prendergli la ruota. Elia [Viviani] ha corso come ho fatto io l’anno scorso, era troppo presto davanti considerando che gli ultimi 250 metri in leggera salita. Sono felice di questa vittoria alla Tirreno-Adriatico. L’anno scorso mi è mancato vincere qui, ma poi ho vinto il Giro delle Fiandre. Non sono importanti solo le vittorie o i piazzamenti: sono importanti le sensazioni”.

 

La Maglia Azzurra Rohan Dennis, ha dichiarato: “Non ho visto bene la dinamica della caduta, non so cosa sia successo, ero dietro quando tutti hanno iniziato a frenare. Sono riuscito a rimanere in piedi mentre altri corridori sono caduti: ecco perché adesso sono io a vestire la Maglia Azzurra e non Greg. È un peccato che sia caduto, ma sono cose che fanno parte del ciclismo. L’importante è che non si sia fatto male. Sono venuto alla Tirreno-Adriatico per prepararmi in vista del Giro d’Italia e abituarmi al tipo di percorsi che dovrò affrontare a maggio. La cronometro finale si adatta bene alle mie caratteristiche. Tejay [van Garderen] è il nostro leader principale, io sono la sua riserva”.

 

STATISTICHE

Rohan Dennis è il primo australiano ad indossare la maglia di leader alla Tirreno-Adriatico dal 2012, quando Matt Goss fu in testa dalla 1^ alla 3^ tappa. Il primo leader australiano alla Tirreno-Adriatico è stato Phil Anderson, l’11 marzo 1988 a Bacoli.

Sesta vittoria di tappa per Peter Sagan alla Tirreno-Adriatico.

Primo podio di tappa (a 31 anni) per Jurgen Roelandts alla Tirreno.