14 marzo 2019

È partita la prima frazione in linea

Seconda frazione in linea da Camaiore a Pomarance di 195 km, con un finale insidioso adatto ai finisseurs.

La corsa ha passato il km 0 alle ore 11:34 con il gruppo forte di 160 corridori.

 

 

METEO
Camaiore (11.30 – Partenza): Sereno, 13°C. Vento: brezza leggera – 11kmh, S.
Pomarance (16.30 – Arrivo): Sereno, 13°C. Vento: moderato – 18kmh, E.

 

CLASSIFICA GENERALE
1 – Michael Hepburn (Mitchelton – Scott)
2 – Brent Bookwalter (Mitchelton – Scott) s.t.
3 – Luke Durbridge (Mitchelton – Scott) s.t.

 

MAGLIE

Maglia Azzurra, leader della classifica generale, sponsorizzata da Gazprom – Michael Hepburn (Mitchelton – Scott )
Maglia Arancione, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Sportful – non assegnata
Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Enel – non assegnata
Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Open Fiber – Laurens De Plus (Team Jumbo – Visma)

 

PUNTI E ABBUONI IN PALIO
Durante la tappa ci saranno 16 secondi di abbuono massimo in palio per la classifica generale, 3 a ciascun traguardo volante e 10 sul traguardo finale per il primo classificato. Vi sono inoltre 22 punti per la classifica della Maglia Arancione e 25 punti per quella di miglior scalatore

 

PERCORSO
Tappa 2 – Camaiore – Pomarance 195 km
Tappa mossa e articolata specialmente nella seconda parte con finale in salita. Partenza da Camaiore e attraverso Montamagno si raggiunge prima Pisa e poi il Livornese per abbandonare la parte completamente pianeggiante in prossimità di Collesalvetti dove cominciano le prime dolci ondulazioni. Si sale a Castellina Marittima (GPM) per raggiungere il rifornimento tra San Martino e Casino di Terra. Qui comincia la parte tecnicamente più impegnativa che sale a Canneto per affrontare il secondo GPM della corsa dei due Mari a Serrazzano. Si giunge quindi una prima volta a Pomarance da dove si affronta un “quasi-circuito” che porta a Saline di Volterra e di lì lungo la salita finale di 12 km circa con punte del 16%.
Ultimi km
Dopo Saline di Volterra si sale verso Cerreto con una salita lunga, ma molto irregolare che alterna tratti fino al 16% a tratti attorno al 2/3%. Finale pedalabile all’ultima semicurva, su asfalto, carreggiata di 7 m.

 

CURIOSITÀ
Larderello e soffioni boraciferi

Frazione di Pomarance sulle Colline metallifere, con i suoi soffioni boraciferi Larderello produce il 10% dell’energia geotermica mondiale (4800 GWh annui) utilizzata per la produzione d’energia elettrica. Il nome di Larderello è in omaggio a François Jacques de Larderel, che fondò lo stabilimento boracifero. Nel 1905, grazie al principe Piero Ginori-Conti, si iniziò ad utilizzare l’energia dei soffioni per la generazione di energia elettrica. A Larderello, come testimonianza dell’attività industriale legata al calore terrestre si trova il Museo della geotermia.