08 marzo 2017

BMC DA RECORD, CARUSO DA LEADER

La formazione statunitense fa segnare la media più alta della storia della Corsa dei Due Mari. Caruso, emozionato, comanda la Classifica.

La BMC Racing Team ha vinto la prima tappa della 52^ Tirreno-Adriatico, ripetendo la vittoria dell’edizione 2016 ma migliorandosi, realizzando una media record di 58,329 km/h. Primo sulla linea, Damiano Caruso è la prima Maglia Azzurra NamedSport. Tra i favoriti per la vittoria finale, Tejay van Garderen (BMC Racing Team) è quello che esce vincitore da questo primo round, con Thibaut Pinot (FDJ) e Nairo Quintana (Movistar Team) che limitano i distacchi.

 

 

RISULTATO FINALE

1 – BMC Racing Team – 22,7 km in 23’21”, media 58,329 km/h

2 – Quick-Step Floors a 16″

3 – FDJ a 21″

 

CLASSIFICA GENERALE

1 – Damiano Caruso (BMC Racing Team)

2 – Rohan Dennis (BMC Racing Team) s.t.

3 – Greg Van Avermaet (BMC Racing Team) s.t.

RISULTATI COMPLETI 

 

CONFERENZA STAMPA

Damiano Caruso, prima Maglia Azzurra, ha dichiarato: “Credo di essere in ottima forma, e gli allenatori me l’hanno confermato. Ho lavorato molto a Dicembre per poter aiutare al meglio Richie Porte al Tour Down Under, ed ora solo qui con una forma migliore degli altri anni. Sono felice per la vittoria, ho reso felice tutta la mia famiglia e in particolare mio padre che era qui a vedermi, e non capita tutti i giorni! Sono curioso di vedere come posso approfittare della mia posizione in classifica. Siamo qui con due capitani, Greg Van Avermaet per le vittorie di tappa e Tejay van Garderen per la CG. Magari sul Terminillo, se le circostanze sono favorevoli, sarò li a difendere la Maglia Azzurra, ma senza voler modificare i piani del team. Sopratutto, sarà interessante la tappa di domani. È una tappa lunga e con un finale nervoso. Greg è un campione, merita l’aiuto di tutta la squadra, me incluso. Andiamo avanti con i nostri piani originali e proviamo a vincere a Pomarance.

 

STATISTICHE

58,329 km/h: la tappa più veloce nella storia della Tirreno-Adriatico. I primi cinque team all’arrivo tutti sopra i 57 km/h, quindi tutti e cinque sopra il precedente record di 56,947 km/h stabilito dalla stessa BMC Racing Team l’anno scorso.

Il podio è lo stesso dell’anno scorso: anche l’anno scorso vinse la BMC Racing Team, davanti alla Etixx – Quick Step e la FDJ. Sia l’anno scorso che quest’anno, la BMC Racing Team ha concesso ad un corridore italiano l’onore di vestire la maglia di leader dopo la cronosquadre: l’anno scorso fu Daniel Oss, quest’anno Damiano Caruso.

Per la prima volta nella sua carriera da professionista Damiano Caruso è leader in una corsa a tappe.